L’arte dell’acquerello – Intervista alla pittrice Andrea Elisabeth Dane

Andrea Elisabeth Dane

Continuano su “Racconti d’Arti” le interviste sull’arte dell’acquerello. Oggi, è mia ospite Andrea Elisabeth Dane, pittrice originaria di Londra, che dopo aver vissuto per anni a Roma, si è trasferita a Velletri. Con lei parleremo della sua arte con gli acquerelli, in particolare, e di come ha scoperto questa sua passione, che porta avanti con entusiasmo e con la curiosità di sperimentare con il colore. Buona lettura!

Salve, Andrea. Benvenuta a “Racconti d’Arti”. Per iniziare, vuoi parlarci un po’ di te e di come è nata la tua esperienza con la pittura?

Ciao Serena, innanzitutto vorrei ringraziarti per avermi regalato questa occasione per parlare di qualcosa che mi sta molto a cuore.
Sono nata a Londra nel 1945 e il mio primo approccio all’arte è stato a scuola, dove la pittura faceva parte del curriculum e quelle erano le ore che mi piacevano di più. Sono cresciuta nella cosiddetta Cintura Verde di Londra dove, senza dubbio, ho inconsciamente assorbito l’amore per i fiori e i giardini. Appena maggiorenne ho spiegato le ali e sono volata a Roma, per realizzare il mio sogno della Dolce Vita e dello stile di vita mediterraneo, dove ho vissuto per molti anni con la mia nuova formata famiglia italiana. Vivo da 24 anni nelle colline verdi di Velletri.
Ho ripreso a dipingere otto anni fa, come mezzo per isolarmi da una situazione molto stressante. E a questo proposito consiglierei a chiunque si trovi in una situazione simile di considerare la pittura anche come terapia. Sicuramente mi ha aiutato a trovare il mio equilibrio e la mia sanità mentale e mi ha aperto un mondo completamente nuovo. Quando prendo in mano i pennelli perdo il senso del tempo e dello spazio, ci sono solo io insieme alla mia ispirazione e ai miei pigmenti.

Per i tuoi dipinti, utilizzi in particolar modo la tecnica dell’acquerello. Sei autodidatta o hai seguito una formazione con maestri?

Sono sempre stata un’amante delle arti e delle cose belle in genere, ma solo molto più tardi, nella vita, ho potuto dedicarmi alla pittura. Sebbene io sia prevalentemente autodidatta, ho studiato acquerello con Maestri di acquerello russi, italiani e inglesi. Ho partecipato a numerose mostre nel Lazio e in Umbria, vincendo anche qualche premio di riconoscimento.

Parlaci del tuo modo di dipingere. Quali sono i soggetti che ami di più e cosa t’ispira?

Tutti gli artisti hanno un proprio modo di dipingere, che gli è congeniale. Mi ci è voluto un bel po’ per dipingere a modo mio, prima ero terrorizzata di non farlo nel modo giusto!

Quando inizio un dipinto ho ovviamente un’idea in mente e devo ispirarmi al soggetto per poter avere qualche speranza che venga a buon fine, o perlomeno accettabile.  E anche armati di ispirazione, molti dipinti sono finiti nella spazzatura!

A volte un dipinto può richiedere giorni per essere finito, poiché spesso mi piace usare la tecnica della velatura (glazing), cioè la sovrapposizione di un nuovo strato di colore, di solito un colore trasparente, una volta che quello sottostante è asciutto. Inizio un dipinto e poi mi fermo, aspetto che i colori si asciughino e aggiungo idee estemporanee man mano che il dipinto si evolve.

Mi piace particolarmente creare texture interessanti, e backrun (i back run sono il “bocciolo” o il “fiore” prodotto quando una parte di un lavaggio è troppo bagnata e il pigmento viene sollevato e costretto a raccogliersi sul bordo anteriore dell’umidità ndr). Prediligo i pigmenti che creano la granulazione. Mi piace dipingere in modo libero, senza schemi e lasciando il pigmento mescolarsi da solo sulla carta, formando segni e trame interessanti e imprevedibili.

Amo particolarmente dipingere fiori e le rose e le peonie del mio giardino sono una bellissima fonte di ispirazione. Mi piace dipingere anche i volti, soprattutto quelli che portano la traccia del tempo o che hanno una storia da raccontare.

Andrea, per te è più importante la ricerca del perfezionamento tecnico oppure la capacità di esprimere le tue emozioni e sentimenti, attraverso le tue opere?

Senza dubbio è necessario avere una buona conoscenza degli aspetti tecnici della pittura e questo è particolarmente vero per quanto riguarda l’acquerello. Tuttavia un acquerello che conti sull’abilità tecnica non mi attira e mi lascia l’idea che sto guardando una foto. Credo che sia importante conoscere bene le regole dell’acquerello per poterle poi infrangere con soddisfazione! 
Attraverso le mie pennellate scrivo allo spettatore con la speranza di trasmettere l’emozione che provo e l’idea di movimento e atmosfera che percepisco.

Tu fai parte, insieme ad altre “amiche di pennello”, del Gruppo d’acquarellisti Acquarell’Art, molto attivo a Velletri e dintorni. Organizzate periodicamente mostre collettive. L’ultimo evento è stato a Porta Napoletana, proprio a Velletri, in occasione di una Festa religiosa della tradizione locale. Come è nata la tua esperienza con il Gruppo? State organizzando nuove esposizioni?

Ho avuto la fortuna di incontrare diversi acquarellisti qui a Velletri partecipando a un corso tenuto dal Maestro Valerio Libralato e organizzato da ArteMestieri dei Castelli Romani. Nel tempo la nostra amicizia si è consolidata ed è nato il gruppo Acquarell’Art con l’idea di unire le nostre forze e sostenerci a vicenda, non solo artisticamente ma anche a livello personale.
Come dici tu, abbiamo appena fatto una mostra a Porta Napoletana. Dalla quantità di visitatori ricevuti e ascoltando i loro commenti positivi penso che si possa concludere che sia stato un evento di grande successo. Questo infatti ci dà molta soddisfazione e lo stimolo per continuare in questa direzione.
Per quanto riguarda i futuri eventi del gruppo, abbiamo delle proposte interessanti da elaborare e ti terremo aggiornata.
Per approfondire
Profilo Instagram: Andrea Dane

Leggi anche le interviste a Rita Arcangeli e Patrizia Grande, pittrici del gruppo Acquarell’Art.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *