Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT): se comprendi la morte, ami di più la vita

Dichiarazione anticipate di trattamento (DAT), se comprendi la morte ami di più la vita
Dopo un importante percorso formativo sulla MORTE e l’accompagnamento, ho riflettuto profondamente e ho scelto di compilare le mie DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO (DAT) online, perché sono ben consapevole che un giorno morirò e poiché sono ancora lucida e in salute voglio darmi la possibilità di scegliere sulla qualità della mia vita anche nei suoi ultimi attimi e su tutte le pratiche che seguono la morte, togliendo a medici e famigliari la responsabilità di scegliere al posto mio.

Delegando dei fiduciari che facciano rispettare il mio volere qualora io non fossi più in grado, so che le mie volontà saranno rispettate dal momento che le DAT saranno firmate da tutte le parti coinvolte, compreso un medico di fiducia.

Meglio chiarezza oggi che un dolore in più un domani per “pigrizia”.

Se comprendi la morte attraversando la paura, ami anche di più la vita.

L’Associazione IL BRUCO E LA FARFALLA – ONLUS, a partire dalla sua nascita nel 1997, con la propria attività di sostegno, di assistenza e di accompagnamento alle persone in fin di vita e alle famiglie, di formazione del personale sanitario e non, di studio e di ricerca continua, è oggi un affidabile punto di riferimento in materia di compilazione delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT).

In assenza di DAT saranno i famigliari prossimi a ritrovarsi con la responsabilità di prendere, assieme ai curanti, decisioni sulle cure del paziente che compilando e firmando le sue DAT vedrebbe invece le sue volontà a riguardo tutelate e garantite dalla Costituzione italiana, dal Codice Deontologico dei medici e dalla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unità Europea.

Inoltre famigliari e medici verrebbero alleggeriti di un carico non indifferente di responsabilità soprattutto quando non a conoscenza delle volontà del paziente in merito alla sospensione di trattamenti e alle cure palliative.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *