Devozione

Devozione - Foto©NKCHU

Memorie di vite in preghiera sulle ginocchia
e offerte agli altari della devozione.
Braccia tese verso un Amore trascendente
con l’affanno di catturarlo e renderlo immanente
in templi e cattedrali eretti all’eternità.
Il timore di non raggiungerlo,
il dolore di crederlo non meritato.

Finché le mie stanche braccia si abbassarono
e le mani cercarono il petto per un luogo conosciuto.
Il cuore si aprì; l’Amore si svelò e mi mostrò
che la devozione era lo sbiadito ricordo
della dedizione al mio stesso Essere.

Allora i tetti dei luoghi sacri furono divelti
e i miei occhi volsero alle stelle, individuando
quella con la mia firma, custode della mia storia.

Così ricordai un’antica promessa fatta a me stessa,
persa nel gioco dei tempi:

«Dimenticherai chi sei e ti sentirai lontana da Casa.
Le tue braccia, spinte da un ricordo sigillato,
tenderanno verso un Cielo da cui ti sentirai esclusa.

Finché ti arrenderai e ti riscoprirai astro tra gli astri,
ma con lo sguardo stupito e il cuore trionfante
di chi è testimone di un’Umana conquista
».

Derea

(Foto ©NKCHU)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *